Tag Archivio per: fotovoltaico

Segnaliamo  che è in fase di revisione finale il nuovo Conto Termico 3.0: le eventuali osservazioni sul testo sono trasmissibili via pec  cee@pec.mite.gov.it in consultazione pubblica fino al 10 maggio 2024.

Le novità del Conto Termico 3.0

Il testo in consultazione ammette ai benefici previsti dal decreto:

  1. le amministrazioni pubbliche;
  2. i soggetti privati;
  3. gli enti del terzo settore;
  4. le configurazioni di autoconsumo collettivo e le comunità energetiche rinnovabili.

Le amministrazioni pubbliche potranno realizzare interventi di produzione di energia termica da fonti rinnovabili e interventi di efficienza energetica sugli edifici di proprietà pubblica.

soggetti privati, ivi inclusi gli enti del terzo settore, avranno invece la possibilità di realizzare:

  • in ambito civile residenzialesolo interventi di piccole dimensioni di produzione di energia termica da fonti rinnovabili e di sistemi ad alta efficienza previsti dal decreto;
  • in ambito civile non residenziale, interventi di produzione di energia termica da fonti rinnovabili e interventi di efficienza energetica negli edifici per il settore terziario, cioè tutti gli interventi ammessi al beneficio.

Cosa ci ha colpito sul nuovo Conto Termico 3.0

In attesa che il nuovo decreto esca in via definitiva, osserviamo che le nuove disposizioni potrebbero prevedere di innanzare da 5000 € a  15000 € la soglia per la quale il GSE paga in una sola rata (circa 3 mesi) l’incentivo.

Inoltre viene prevista, per la prima volta, anche la possibilità di abbinare il fotovoltaico alla pompa di calore come interventi in grado di incrementare l’efficienza energetica in edifici esistenti, parti di edifici esistenti o unità immobiliari esistenti, se dotati di impianto di
climatizzazione.

L’unico punto negativo che abbiamo individuato è che i costi massimi dei singoli interventi saranno allineati ai costi massimi ammissibili previsti dal Decreto prezzi allegato I del D.M. 6 agosto 2020 e successivo D.M. 14 febbraio 2022 .

Resta in contatto con noi per le prossime novità!

CONSULTA IL DOCUMENTO

GSE ha pubblicato, ad Aprile 2023,  le nuove “Procedure per la gestione degli interventi di manutenzione e ammodernamento degli impianti” per garantire la semplificazione delle regole per gli interventi di manutenzione e ammodernamento tecnologico di impianti fotovoltaici incentivati in Conto Energia.

Le nuove Procedure snelliscono gli adempimenti necessari limitando la comunicazione a GSE, tramite applicativo SIAD, dei soli interventi significativi sugli impianti incentivati,

GSE ha inoltre operato una ridefinizione degli interventi significativi, ovvero di quelli che comportano la variazione di dati caratteristici rilevanti o di configurazione dell’impianto, e di quelli non significativi che, in quanto tali, non saranno soggetti ad alcun adempimento per i Soggetti Responsabili.

Quali sono gli Interventi non Significativi da non comunicare a GSE?

Gli interventi per i quali non più è previsto l’invio di alcuna comunicazione al GSE sono:

  • spostamento degli inverter e dei componenti elettrici minori;
  • installazione di ottimizzatori o di sistemi ad inseguimento solare;
  • sostituzione, rimozione, nuova installazione dei componenti elettrici minori qualora l’intervento non determini variazioni del regime di cessione in Rete dell’energia prodotta dall’impianto;
  • interventi effettuati sulle strutture di sostegno dei moduli o sulle strutture edilizie su cui l’impianto è stato installato che non comportino variazioni dei requisiti in base ai quali l’impianto è stato incentivato;
  • sostituzione degli inverter installati su impianti che non beneficiano di maggiorazioni tariffarie connesse all’utilizzo di componentistica made in EU;
  • interventi di potenziamento non incentivati.

Quali sono gli Interventi Significativi da comunicare a GSE?

Gli interventi di manutenzione in Conto Energia per i quali è ancora previsto l’invio di comunicazione al GSE sono:

  • spostamento dell’impianto;
  • sostituzione dei moduli fotovoltaici;
  • rimozione definitiva dei moduli fotovoltaici;
  • sostituzione degli inverter su impianti che beneficiano di maggiorazioni tariffarie connesse all’utilizzo di componentistica made in EU;
  • interventi di modifica edilizia all’immobile e/o al manufatto su cui è installato l’impianto;
  • variazioni della configurazione dell’impianto, ovvero:
  • variazione del regime di cessione in Rete dell’energia prodotta dall’impianto;
  • modifiche del punto di connessione;
  • installazione di sistemi di accumulo dell’energia prodotta.

Come posso comunicare a GSE le manutenzioni al mio impianto incentivato?

Noi di AIER IMPIANTI ci occupiamo di eseguire, per conto dei Soggetti Responsabili, l’invio semplificato delle comunicazioni relative agli interventi di manutenzione e ammodernamento tecnologico sull’applicativo SIAD di GSE.

Vuoi saperne di più? CONTATTACI

Sempre più spesso veniamo chiamati da persone che, nella migliore delle ipotesi, sono in procinto di vendere un immobile con annesso fotovoltaico. C’è chi ci chiede invece cosa fare se la vendita è già stata perfezionata e le parti si sono “dimenticate” dell’impianto fotovoltaico.

A tutti i dubbi sulla voltura di un impianto fotovoltaico c’è una sola risposta: il nuovo proprietario, di fatto, vanta tutti i diritti sull’impianto!

Infatti il nuovo proprietario dell’immobile è tenuto a intestarsi tutte le utenze, tra cui quella elettrica. E, come sappiamo, il titolare del POD e dell’impianto DEVONO coincidere.

Cosa fare in caso di vendita di immobile con impianto fotovoltaico

Formalizzata una vendita o una successione, il nuovo proprietario è tenuto a fare un cambio di titolarità sia sul portale di Terna Gaudi, sia sul portale GSE, intestandosi anche i  contratti annessi: Ritiro dedicato o Scambio sul Posto e l’eventuale Conto Energia.

fotovoltaico mandato irrevocabile all'incasso

fotovoltaico mandato irrevocabile all’incasso

In questo caso il vecchio proprietario NON PUO’ VANTARE alcun titolo sugli incentivi che restano da incassare, a meno di un accordo consensuale col nuovo proprietario. Diciamo che, in caso di vendita, la strada più semplice da intraprendere è quella di seguire le regole applicative suggerite dal GSE.

Innanzitutto, è mandatorio l’inserimento nell’atto di vendita dell’immobile la presenza dell’impianto Fotovoltaico ( soprattutto se beneficiante di Conto Energia ) corredato dei dati significativi ( potenza, codice CENSIMP, identificativo impianto GSE, numero di convenzione conto energia e contratto SSP ).

In questo modo si può concordare tra le parti un valore dell’impianto da aggiungere alla vendita. Resta però il fatto che gli incentivi di Conto Energia, formalizzata la vendita, andranno di fatto “volturati” al nuovo proprietario. E allora come possiamo non perdere gli anni rimanenti di incentivo? La strada più corretta è il mandato irrevocabile all’incasso.
Formalizzata la vendita con gli accorgimenti descritti prima e conclusa la procedura di cambio Titolarità dal vecchio al nuovo proprietario, le parti redigono un modulo di mandato irrevocabile all’incasso, firmato da Mandante ( nuovo proprietario ) e Mandatario ( vecchio proprietario ) affinché tutti gli incentivi rimanenti sino alla scadenza del Conto Energia vengano erogati direttamente al Mandatario.

Noi suggeriamo che la volontà di procedere al mandato irrevocabile all’incasso venga registrata anche sull’atto.

Desideri un chiarimento o hai piacere che ci occupiamo della tua pratica di voltura, con o senza mandato irrevocabile all’incasso? Non esitare a contattarci!